My Weblog: kutahya web tasarim umraniye elektrikci uskudar elektrikci umraniye elektrikci istanbul elektrikci satis egitimi cekmekoy elektrikci uskudar kornis montaj umraniye kornis montaj atasehir elektrikci beykoz elektrikci

QR code

il codice QR di Ideasapiens

Detto anche codice 2D, è un insieme di quadrati neri su fondo bianco, disposti in maniera da formare una combinazione univoca con un contenuto informatico, accessibile tramite un software fotografico, su smart phone o su tablet, predisposto alla codifica del QR.

Successivamente al riconoscimento del codice da parte del dispositivo, il contenuto collegato viene caricato interrogando il software dedicato, dato che ad un QR possono essere associati:

  • Siti (e qualsiasi contenuto multimediale richiamato da una URL)
  • Coordinate GPS per la geolocalizzazione
  • Contatti telefonici ed SMS
  • E-mail
  • Semplice testo

È simile ad un comune codice a barre, ma non necessita di un laser per la lettura e può essere colorato e graficamente interpretato, ovviamente senza esagerazioni, perchè i software di codifica sono molto tolleranti, ma stravolgere completamente il codice potrebbe comprometterne la lettura.

Alla fine del 2009, in un viaggio in Giappone, ho notato che il QR era praticamente ovunque, e che i giapponesi utilizzavano con disinvoltura i propri smart phone per accedere a siti, conoscere l’ubicazione di negozi, ascoltare anteprime musicali, ecc.
In effetti a Tokyo ho visto il QR in molti manifesti pubblicitari, compatibilmente con lo stile di vita frenetico della metropoli, dove nessuno si ferma a leggere un bodycopy; il layout è composto da logo, visual, QR e sito, un click e poi la libertà di leggere tutti i contenuti comodamente in treno o in metro.

Per il mio secondo viaggio a Tokyo, alla fine del 2010, ho stampato dei biglietti da visita per onorare le loro regole di presentazione e, data la mia precedente esperienza, ho deciso di includere nell’impaginazione il QR collegato al mio sito personale.

Il biglietto è in inglese e in giapponese, ma lo uso senza problemi anche in Italia, dove un anno fa mi si chiedeva come mai avessi scelto un logo così bizzarro, composto da tanti pixel neri casuali, oggi in molti mi chiedono a cosa è collegato; ciò denota una sempre maggiore diffusione di questa magnifica tecnologia, con conseguente educazione sociale.

Leave a reply

required

required

optional